Terapie per i pazienti con mutazione EGFR

 

Cos'è la mutazione del gene EGFR nel tumore al polmone?

La mutazione del gene EGFR è presente in circa il 20% dei tumori polmonari non a piccole cellule. La ricerca della presenza di mutazione del gene EGFR si esegue sulla biopsia eseguita al momento della Diagnosi. La presenza di delezione nell’esone 19 o di mutazioni puntiformi nell’esone 21 del gene EGFR sono quelle più frequenti. Generalmente si osservano nei pazienti con adenocarcinoma, non fumatori e più frequentemente nelle donne rispetto agli uomini.

 

Terapia di prima linea per il tumore al polmone con mutazione EGFR

Adenocarcinoma polmonareGefitinib, erlotinib e afatinib hanno rappresentato lo standard terapeutico nel trattamento dei pazienti con mutazione del gene EGFR. Da gennaio 2019 è stato introdotto anche OSIMERTINIB. Sono farmaci orali da assumere tutti i giorni. Si tratta di molecole che sono in grado di bloccare e contrastare la crescita delle cellule tumorali.

Gefitinib ed erlotinib sono approvati in qualsiasi linea di trattamento e possono essere prescritti sia nella prima linea, che in quelle successive. Afatinib, invece, può essere prescritto solo in prima linea. Osimertinib invece può essere prescritto in prima linea o in seconda linea (in alcuni pazienti come descritto in seguito).

Otto studi clinici, condotti in Europa, Asia e Stati Uniti, in cui erlotinib, gefitinib o afatinib sono stati confrontati con la chemioterapia standard a base di platino, hanno dimostrato la netta superiorità dei primi rispetto alla chemioterapia, in termini di risposte obiettive, cioè di riduzione numerica e dimensionale delle lesioni e di sopravvivenza libera da progressione, cioè il tempo che intercorre tra l’inizio del trattamento di prima linea e la eventuale progressione di malattia. Gefitinib, erlotinib e afatinib determinano il 60-70% di risposte obiettive, mentre la chemioterapia solo il 35-40%.

Gefitinib è stato il primo ad essere utilizzato in clinica. Si associa ad una bassa probabilità di comparsa di arrossamenti cutanei e diarrea, effetti collaterali noti per questa categoria di farmaci, ma comporta un maggior rischio di tossicità epatica (a livello del fegato).

Erlotinib e afatinib, invece, determinano una maggior percentuale e gravità di arrossamenti cutanei e diarrea, rispetto a gefitinib, ma minor probabilità di tossicità epatica. Nel caso di tossicità, la dose iniziale di erlotinib si può ridurre (da 150 mg a 100 mg). Il dosaggio standard, con cui si avvia la terapia con afatinib, è di 40 mg. In assenza di tossicità, si può eventualmente aumentare la dose a 50 mg o proseguire con 40 mg. In caso di tossicità, invece, si può ridurre a 30 mg per mitigare gli effetti collaterali

Risultati ottenuti da uno studio di confronto tra gefinitib ed afatinib in prima linea hanno evidenziato maggiori risposte obiettive, migliore sopravvivenza libera da malattia e sopravvivenza con afatinib rispetto a gefitinib. Tuttavia, lo studio è risultato formalmente negativo dal punto di vista statistico ed è quindi difficile trarre conclusioni definitive sulla superiorità dell’uno rispetto all’altro.

Un altro studio ha confrontato l’efficacia di gefitinib e erlotinib con osimertinib. I risultati hanno dimostrato un vantaggio netto di osimertinib in termini di risposte con un incremento della sopravvivenza libera da progressione di 8 mesi. Il vantaggio è stato osservato in tutti i sottogruppi di pazienti, inclusi quelli con metastasi cerebrali. I risultati sulla sopravvivenza globale non sono ancora definitivi, sebbene quelli preliminari suggeriscano la superiorità di osimertinib, con una riduzione del rischio di morte del 37% . Osimertinib è risultato, inoltre, meglio tollerato, con una percentuale inferiore di effetti collaterali. Vista l’efficacia dimostrata da osimertinib di oltrepassare la barriera emato-encefalica, è da considerarsi di scelta per i pazienti con localizzazioni cerebrali. La seconda linea dopo osimertinib è obbligatoriamente chemioterapia. Il motivo di questa scelta non evitabile è legato al fatto pratico che non esistono ancora farmaci biologici disponibili e mirati dopo che insorge la resistenza ad osimertinib.

Pertanto, sia gefitinib, sia erlotinib, afatinib ed osimertinib, rappresentano una valida scelta terapeutica per il trattamento dei pazienti portatori di mutazione del gene EGFR in prima linea. La scelta di quale utilizzare è legata principalmente alle diverse caratteristiche clinico-biologiche dei pazienti e tossicità attese.

 

Terapia di seconda linea per il tumore al polmone con mutazione EGFR

Se il paziente ha assunto gefitinib, erlotinib o afatinib in prima linea

Quando i pazienti, dopo una mediana di circa 10-12 mesi, sviluppano una progressione di malattia, la prima cosa da valutare è se la progressione interessa una singola lesione (unifocale) o più lesioni (multifocale). Nel caso, infatti, di progressione unifocale, si potrà proseguire con il farmaco in corso e sottoporre la singola sede di progressione ad un trattamento locale (radioterapico o chirurgico).

Nel caso, invece, di progressione multifocale, per decidere la nuova strategia farmacologica, bisogna identificare quelli che sono i meccanismi molecolari che hanno determinato lo sviluppo della resistenza.

Per definire la caratterizzazione molecolare della malattia al momento della progressione di malattia dopo una prima linea di inibitori EGFR-TKI il paziente può essere sottoposto ad una biopsia liquida (con ricerca della mutazione T790M su sangue periferico) oppure una nuova biopsia tissutale del tumore.

In alcuni casi, meno frequenti, si tratta di cambiamenti nell’istologia (da adenocarcinoma a microcitoma), in altri casi si ha la comparsa di nuove alterazioni genetiche come la mutazione T790M nell’esone 20 del gene EGFR o la amplificazione del gene MET.

In caso di presenza della mutazione T790M, che è il meccanismo più frequente (55-60% dei casi), il paziente è candidato a ricevere in seconda linea osimertinib. In assenza di tale mutazione bisognerà proseguire con la chemioterapia.

Se il paziente ha assunto osimertinib in prima linea

I pazienti trattati con osimertinib in prima linea sono al momento obbligati a ricevere la chemioterapia in II linea.

 

OSIMERTINIB

Come cambia la strategia terapeutica nei pazienti con mutazione del gene EGFR

Intervista alla Dr.ssa Elisa Roca, Spedali Civili di Brescia

Perché Osimertinib rappresenta un’innovazione nella terapia del Non-Small-Cell-Lung-Cancer (NSCLC)?

Terapie mirate per il tumore polmonareNell’ambito della patologia neoplastica polmonare, è importante sottolineare che esistono dei pazienti con caratteristiche biologiche che consentono loro di beneficiare di trattamenti mirati. Un esempio di terapia bersaglio è rappresentata dagli inibitori del gene EGFR di I e II generazione (gefitinib, erlotinib e afatinib), che vengono somministrati ai pazienti che presentano la mutazione del gene EGFR.

Queste innovazioni terapeutiche hanno modificato la storia naturale di questi pazienti, portando ad un aumento della sopravvivenza ed un miglioramento notevole della qualità di vita. Tuttavia, questi pazienti sono purtroppo destinati ad andare incontro ad una progressione di malattia, spesso dovuta alla capacità della neoplasia di creare una resistenza nei confronti di tali farmaci.

Tra i meccanismi di resistenza a queste terapie, la mutazione T790M del gene EGFR è la più frequenti e viene riscontrata nel 50-60% dei pazienti a progressione da un inibitore di EGFR di I o II generazione.

A questo proposito, è stato disegnato Osimertinib, un inibitore tirosin-chinasico irreversibile con elevata attività inibitoria verso la mutazione T790M. Questo farmaco, rispetto ai precedenti, mantiene un’equivalente attività verso le mutazioni sensibilizzanti del gene EGFR ed una minore affinità per il recettore EGFR non mutato. Osimertinib rappresenta un’innovazione della terapia del NSCLC in fase avanzata, poiché permette ai pazienti che hanno sviluppato una resistenza nei confronti della terapia target di prima linea, di proseguire con un trattamento biologico, somministrato per via orale, e di ritardare l’inizio della chemioterapia.

Quali pazienti possono, dunque, beneficiare del trattamento con Osimertinib?

Osimertinib è, pertanto, una terapia biologica bersaglio. Possono beneficiarne i pazienti con adenocarcinoma del polmone, che presentino la mutazione T790M e che siano in progressione dopo una pregressa terapia con un inibitore del gene EGFR di I o II generazione.

Attualmente, dunque, questo trattamento è approvato in II linea. Tuttavia, sono in corso degli studi che stanno valutando l’efficacia anche in I linea.

Quali sono i dati di efficacia di Osimertinib nei pazienti con NSCLC T790M in progressione ad una pregressa terapia con un EGFRTKI?

I dati relativi all’efficacia di osimertinib, derivano prima di tutto da due studi clinici di fase II, condotti su 411 pazienti affetti da adenocarcinoma del polmone con mutazione T790M che avevano sviluppato una progressione durante una pregressa terapia sistemica con EGFR-TKI. Osimertinib ha mostrato un tasso di risposte obiettive del 66% e una progressione libera da malattia di 11 mesi.

Lo studio AURA3, randomizzato, di fase III, open-label, di confronto con una chemioterapia a base di platino, condotto su 419 pazienti con adenocarcinoma del polmone in stadio avanzato positivi alla T790M (riscontrata sempre al momento della progressione da una terapia di prima linea con EGFR-TKI), ha dimostrato un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza libera da progressione nei pazienti trattati con Osimertinib rispetto alla chemioterapia (10,1 mesi rispetto a 4,4 mesi). È stato, inoltre, riscontrato un tasso di risposte obiettive del 71% con Osimertinib (197/279) rispetto al 31% (44/140) ottenuto con chemioterapia.

Come si presenta Osimertinib sotto il profilo della tollerabilità?

Nello studio AURA 3, i principali eventi avversi riportati nel braccio osimertinib sono stati diarrea, rash cutaneo, pelle secca e alterazioni del letto ungueale. Nella maggior parte gli effetti collaterali sono stati di grado lieve e facilmente gestibili. La chemioterapia ha determinato una maggiore percentuale di effetti collaterali gravi rispetto a osiemrtinib.

Si tratta quindi di un farmaco maggiormente efficace e che determina meno effetti collaterali.

Quali sono gli strumenti a disposizione nella pratica clinica per il riscontro della mutazione T790M?

Come sottolineato dalle recenti linee guida ESMO, nei pazienti che progrediscono dopo una terapia con un EGFR-TKI, è fortemente consigliata una re-biopsia per la ricerca di tale mutazione di resistenza, in quanto rilevante per la successiva strategia terapeutica.

La determinazione della T790M può essere fatta su un campione di tessuto oppure su un campione di plasma (biopsia liquida). Se si usa un campione di plasma ed il risultato è negativo, è consigliabile eseguire anche un test su tessuto, ove possibile, per il potenziale di risultati falsi negativi che si possono ottenere con un test basato su plasma.

 

Approfondimenti

- Inibitori orali di EGFR (Gefitinib/Erlotinib/Afatinib)

- Studio ADJUVANT: gefitinib, il primo farmaco a bersaglio molecolare utilizzato nel trattamento adiuvante

Con il supporto incondizionato di

Boehringer
FoundationONE
Bristol
ROCHE

Ultraspecialisti S.r.l.
Via Ampére n. 61/A, 20154 - Milano (MI)
REA MI-2085389
Codice Fiscale e Partita Iva n. 09364300963

CONTATTACI

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Copyright © 2017 Ultraspecialisti® srl - All rights reserved