Entrectinib è un farmaco orale che si utilizza per il trattamento dei pazienti con tumori solidi e traslocazione del gene NTRK oppure tumore polmonare non a piccole cellule e traslocazione del gene ROS1.

La dose è di 600 mg una volta al giorno. Le capsule rigide devono essere ingerite intere, senza essere aperte né dissolte, in corrispondenza o lontano dai pasti, ma non con pompelmo o succo di pompelmo.

Possibili effetti collaterali di Entrectinib

  • disturbi cognitivi, compresi stato confusionale, alterazioni dello stato mentale, compromissione della memoria e allucinazioni;
  • fratture ossee;
  • prolungamento del QTc all’ECG;
  • dolori muscolari;
  • incremento degli enzimi epatici (AST, ALT),
  • incremento del peso;
  • incremento dei livelli di colesterolo e trigiceridi.
Entrectinib effetti collaterali

Entrectinib contiene lattosio. I pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, deficit completo di lattasi o malassorbimento di glucosio-galattosio non devono assumere questo medicinale.

Interazioni farmacologiche

Bisogna prestare attenzione alla somministrazione concomitante di farmaci che interferiscono con il citocromo P450 (CYP) 3A, la glicoproteina-P (P-gp) e la proteina di resistenza del carcinoma mammario (Breast Cancer Resistance Protein, BCRP), come atazanavir, claritromicina, indinavir, itraconazolo, ketoconazolo, nefazodone, nelfinavir, ritonavir, saquinavir, telitromicina, troleandomicina, voriconazolo o pompelmo, può aumentare le concentrazioni plasmatiche di entrectinib.

Nel caso dovessi assumere un farmaco insieme a entrectinib, si raccomanda di avvisare prima il proprio medico.

Approfondimenti


dr.ssa Chiara Lazzari Oncologo

Dr.ssa Chiara Lazzari
Dirigente Medico Oncologo presso l’IRCCS Istituto di Candiolo (Torino)

dr.ssa Vanesa Gregorc Oncologo

Dr.ssa Vanesa Gregorc
Direttore di Oncologia Medica e Vice Direttore Scientifico presso l’IRCCS Istituto di Candiolo (Torino)